titolare della sede

Benvenuti nel nuovo sito della Sede AICS di Gerusalemme!

Ricopro l’incarico di Direttore di questa Sede dal novembre del 2016, e durante questi mesi ho avuto modo di comprendere il rispetto e la stima sempre vivi che i Palestinesi nutrono verso l’Italia e il lavoro che facciamo qui. La nostra filosofia di intervento, vicina alle persone e ai loro bisogni, capace di coniugare i risultati con lo scambio umano, ci ricambia quotidianamente in questo modo.

Attualmente, AICS Gerusalemme gestisce un portafoglio di iniziative pari a circa 180 milioni di euro. Di questa cifra, risultato della priorità che l’Italia assegna agli interventi di cooperazione per la Palestina, l’Ufficio che dirigo amministra direttamente 24 milioni di euro e altrettanti ne investe come supporto al bilancio dei Ministeri palestinesi, per rafforzarne l’accountability e l’ownership delle iniziative che li vedono nostri partner.

L’elenco delle nostre collaborazioni copre un ventaglio di partner che vanno dalla Delegazione dell’Unione Europea alle OSC italiane presenti nel Paese, le Agenzie UN chiamate ad implementare progetti su canali multilaterale e multi-bilaterale fino a tutti i partner palestinesi, pedine di un sistema sinergico di cooperazione che si pone l’obbiettivo di implementare efficacemente progetti e programmi.

In sede di Unione Europea siamo protagonisti con gli altri Stati Membri della Programmazione Congiunta, che ci vede lead donor nei settori di Salute e Gender Empowerment e active donor in quello dello Sviluppo Economico, dove da anni investiamo volumi finanziari e impegno professionale ampiamente riconosciuti. Anche il Programma Emergenza rappresenta una costante nella strategia di AICS Gerusalemme, in supporto alle comunità maggiormente vulnerabili di West Bank, Gaza e Gerusalemme Est.

Le sfide che ci aspettano riguardano il contributo che intendiamo offrire alla piena realizzazione degli obbiettivi di sviluppo che l’Autorità palestinese ha fissato nel proprio documento programmatico, la National Policy Agenda: miglioramento dell’environment per lo sviluppo della piccola attività economica, rafforzamento del sistema sanitario, supporto alla capacità di resilienza delle comunità svantaggiate.

Cristina Natoli